La politica come il bene possibile

di Attilio Danese

 

I mezzi potenti sono oppressivi

I mezzi deboli sono inefficaci

 

Premessa

 

Per  la sua vita controcorrente Simone Weil incontra notevoli difficoltà nell’attività pratica. Preferisce scrivere  articoli di natura politica e sindacale in varie riviste. Particolarmene  apprezzati i suoi interventi sul movimento operaio, sul socialismo scientifico, su Rosa Luxemburg, Lenin, Trotsky, il marxismo. Rispetto ad un mondo sociale dominato dalla forza,  Simone va alla ricerca di al­ternative ideali, filtrate dal disincanto per le idolatrie del sociale e della politica. La  politica non risolve i problemi della forza, non le si può chiedere ciò che non ha, ma può lasciare lo spazio necessario a che i bisogni dell’anima emergano, consentire i requisiti minimi per andare incontro a questi bisogni, riducendo le cause dell’oppressione, contenendo il male mediante  istituzioni adegu­ate.

Nel presente intervento presenteremo in una prima parte la logica della forza e in una seconda la politica nelle sue degenerazioni e nella ricerca del bene possibile. Continua…

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito ( cookie tecnici ), per generare report sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore . Cookie policy